mercoledì 4 marzo 2009

Una scelta di vita


(Clicca sull'immagine per vedere la locandina)

La raccolta differenziata diventa: “Una scelta di vita”
A teatro consapevolezza e impegno per un mondo migliore.

Separare i rifiuti per dargli una nuova vita o lasciare che le discariche si riempiano, che il nostro territorio sia consumato dallo spazio occupato per smaltire i rifiuti? Da che parte stai? È le domanda di fondo che nel corso di “Una scelta di vita” promosso da Comieco e organizzato da VUS, Luca Pagliari, autore e interprete dello spettacolo, ha rivolto agli oltre 400 ragazzi intervenuti al politeama Clarici di Foligno.

Video, racconti e immagini che testimoniano gli effetti conseguenti alla scelta di fare o no la raccolta differenziata, hanno stimolato la riflessione dei ragazzi e la loro presa di posizione a favore o contro comportamenti e scelte che si preoccupano o meno delle conseguenze delle proprie azioni, in particolare sull’ambiente naturale che ci circonda.

L’esperienza di giornalisti, poeti e leader che si sono impegnati per un mondo migliore, sia per grandi battaglie che attraverso piccoli gesti quotidiani come quello di gettare un rifiuto nel posto giusto, sono stati narrati a testimonianza dell’impegno per cambiare la realtà e promuovere o difendere quanto di bello c’è nel nostro ambiente. Ma sono proposte anche immagini “forti”, di coloro che vengono chiamati “rifiuti umani”, dei poverissimi del mondo, che vivono nelle discariche alimentandosi di quanto trovano nei rifiuti. Sono coloro che sono nati, cresciuti e vissuti nelle discariche e non conoscono un mondo migliore. Realtà contrapposte, gesti e comportamenti contrapposti, che pongono l’interrogativo, e tu da che parte stai?

Ecco alcuni dei commenti scritti che i ragazzi hanno lasciato in un box dopo lo spettacolo: “Non dovremo guardare con occhi schifati le discariche ed i rifiuti, ma noi stessi. Posso dire che dopo questo incontro torno a casa e faccio seriamente la raccolta differenziata”, Erica; “inquinare non ha senso e chi lo fa è solo un perdente”, Francesco; “la cosa fondamentale, secondo me, è sapere che ci può essere qualcosa di meglio, ma soprattutto che c’è qualcuno che combatte”; La consapevolezza è l’arma migliore”; “Per un mondo migliore basta poco. Un piccolo gesto può fare molto”;”Uscendo da qui sapremo da che parte stare” 2 D liceo scientifico Marconi; “Siete riusciti a creare un futuro per voi, ma che ne sarà di noi?”, Lollo 94.

Consapevolezza, preoccupazione, ma anche voglia di impegnarsi per un futuro migliore sono le riflessioni di questi ragazzi, che saranno peraltro sviluppate, nel corso del progetto che Valle Umbra Servizi ha promosso con le scuole superiori. Negli “ecoblog”, i diari on line sui temi ambientali, creati dalle classi per il progetto di quest’anno, lo spettacolo, insieme alle altre attività per promuovere la tutela dell’ambiente, saranno commentati e discussi: per formare futuri cittadini che lascino un pianeta migliore di quello che hanno ricevuto.

Link: www.vus.it

Link: ecoblogvus.blogspot.com

1 commento:

  1. Speriamo che ci sia davvero questo futuro migliore...

    RispondiElimina